Il nostro viaggio nella storia del costume da bagno approda oggi negli anni Settanta. Gli anni dei figli dei fiori, dei pantaloni a zampa di elefante, delle zeppe e delle influenze indiane anche nella Moda, con i caftani etnici, portati in occidente al ritorno da viaggi di scoperta ed esperienze vissute in quei luoghi.

I costumi da bagno, soprattutto nel caso dei bikini, iniziano a ridursi sempre di più. Le donne sono sempre più emancipate, e proprio in questi anni si verificano i cambiamenti più importanti nella società. Queste ideologie e rivoluzioni si riflettono anche nel modo di vestirsi, che mai come ora è stato carico di significati.

Anche i bikini quindi richiamo lo stile dell’epoca hippie, con top ricamati in stile crochet e foulard colorati in testa. I colori erano molto vivaci e i costumi venivano indossati con monili in materiali naturali come legno, conchiglie, pietre, piume, perline indiane e cuoio, che riflettevano il mix di culture, viaggi e contaminazioni esotiche, tipiche di questi anni.

La moda mare si completa poi con caftani leggeri, collane di perline e zeppe con plateau, sia di materiali naturali che di plastica trasparente. Non mancano poi nemmeno i cappelli di paglia o quelli di tessuto, a tesa larga.

Durante gli anni Settanta, e più precisamente nel 1975, fa la sua comparsa il tanga. Si vede per la prima volta sulla rivista Sports Illustrated, indossato da Christie Brinkley. Sembra però che il tanga, come capo da spiaggia, sia nato a Ipanema, sulla spiaggia di Rio de Janeiro, tre anni prima. Nel 1977 Rudi Gernreich presenta il “thong”, un costume che scopre il fondoschiena.

Sempre per quanto riguarda la moda dei costumi da bagno, verso la fine degli anni Settanta l’attrice Farrah Fawcett indossa costumi da bagno interi con scollatura e taglio alto sulle gambe. Il bikini non è più il dominatore assoluto della scena. Nel 1977 infatti, uno dei locali simbolo è lo Studio 54 dove si balla la disco music.

E voi, cosa ne pensate della moda mare anni Settanta?

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *